Lavori XXL

Nelle sedi di Rostock e Lubmin, Krebs Korrosionsschutz GmbH collabora da molti anni con la società Liebherr-MCCtec Rostock GmbH.

Ora anche Cometto contribuisce a questa collaborazione. Questo perché il Gruppo Krebs fa affidamento sulle 24 linee d’assi di semoventi Cometto MSPE. La combinazione è suddivisa in quattro
carrelli a 6 assi, ciascuno con un carico per asse di 48 tonnellate per linea e due unità di potenza da 202 kW ciascuno.

“I veicoli Cometto sono dotati di tecnologia all’avanguardia”. Hanno anche il vantaggio che possono, tra le altre cose, essere caricati direttamente in un container. Ciò ci consente, ad esempio, di eseguire lavori per un altro cliente con sede a Rostock, presso la loro filiale nel Regno Unito”, spiega Jörg Neuhäusel, responsabile di progetto di logistica presso la Krebs Korrosionsschutz GmbH.

Una gru per lavori pesanti per il porto di Rostock

Al porto di Rostock, tutto ciò che accade è XXL. Al momento, è qui che la gru Liebherr HLC 295000 viene prodotta. Con una capacità di carico massima di 5.000 tonnellate, è la più grande gru
offshore che Liebherr abbia mai costruito. Al fine di sollevare la gru sull’impianto di perforazione dopo il completamento, un’altra enorme gru viene sviluppata e costruita a Rostock, la TCC 78000.

Sarà la più potente gru su rotaie al mondo, in grado di raggiungere una capacità di carico fino a 1.600 tonnellate. Oltre a caricare le gru marittime sempre più grandi prodotte dall’azienda, la
nuova gru per carichi pesanti consentirà ad altre compagnie di trasferire carichi pesanti nel porto internazionale di Rostock.

Conversione della sterzatura da trasversale a longitudinale

Ora anche Cometto è coinvolta in tutti questi progetti. Utilizzando l’MSPE, Krebs ha trasportato il braccio lungo 105 metri della TCC 78000 con una larghezza fino a 15 metri e un peso totale di 362 tonnellate.

“Il braccio è stato movimentato sulle 24 linee d’assi semovente SPMT in un cosiddetto trasporto a bilico, disposto fianco a fianco. Le due combinazioni di veicoli erano distanti 60
metri”, ha riferito Jörg Neuhäusel a proposito della composizione utilizzata per il viaggio.

“La sterzatura è stata modificata dalla guida trasversale a quella longitudinale appositamente per questa applicazione ed è stata programmata in modo che il telaio potesse attuare le virate
separatamente e una dopo l’altra.

Ciò ha garantito che il carico rimanesse esattamente in posizione e che non vi fosse alcun movimento relativo”, ha spiegato Jörg Neuhäusel a proposito di questo importante passaggio dell’operazione.

La corsa compensa la differenza di altezza

Con l’aiuto dei veicoli Cometto MSPE, il braccio della Lubmin è stato trasportato su una rampa sulla chiatta. “In particolare, la grande compensazione dell’assale ha dimostrato la sua validità livellando la differenza di altezza tra la banchina e il ponte”.

All’arrivo a Rostock, la chiatta è stata scaricata, sempre utilizzando una rampa, sulla proprietà di Liebherr-MCCtec Rostock GmbH. Grazie alla sterzatura a carosello dell’MSPE, il braccio è
stato quindi ruotato di 180 gradi nella posizione di montaggio corretta per ulteriori interventi.

Questa manovra ha rappresentato la fine di una delle fasi di questo mega-progetto, in cui il semovente SPMT si è dimostrato ideale. 

Share onLinkedIn